Per la Cassazione portare una pistola al peperoncino non è reato

ragazza che estrae una pistola al peperoncino dalla borsa

Una recente sentenza della Corte di Cassazione, la n. 8624/2018, ha praticamente confermato che la detenzione e l’uso di dispositivi di autodifesa a base di peperoncino non costituisce reato. I giudici hanno anche precisato che “una bomboletta spray al peperoncino non può considerarsi né un’arma da guerra e neppure un’arma chimica“.

Viene perciò consentito il libero porto ai sensi dell’art.699 c.p. in quanto rappresenta un’arma non comune da sparo.

In sintesi, per chi detiene o usa per scopo difensivo uno spray o una pistola al peperoncino, non si configura il reato di cui all’articolo 4 della legge n. 895/67 (disposizioni per il controllo delle armi).

Cosa dice la legge italiana

Per quanto riguarda le pistole o gli spray al peperoncino la normativa italiana prescrive l’utilizzo del principio attivo “oleoresin capsicum”. Le bombolette o le cariche per pistole al peperoncino, per essere dichiarate conformi alla normativa vigente, devono contenere una miscela non superiore a 20 ml e la percentuale di oleoresin capsicum non deve essere superiore al 10%. Infine, la gittata non deve superare i 3 metri.

La sentenza della Cassazione che abbiamo citato riguarda proprio una vicenda processuale dove l’imputato aveva portato, in luogo pubblico, uno spray contenente gas urticante al peperoncino non conforme al d.m. 12 maggio 2011, n. 103. Nel caso in questione la bomboletta contenente “oleoresin capsicum” era di 40 ml e la gittata era di 5 metri.

Non avendo rispettato le caratteristiche richieste, la detenzione dello spray è stata considerata antigiuridica ed è pertanto andata incontro ad una sanzione.

Vale la pena ricordare che secondo D.M. 12 maggio 2011, n. 103 vieta anche l’utilizzo di bombolette spray la cui miscela contenga sostanze infiammabili o tossiche. Acquistare bombolette di spray a poco prezzo al peperoncino espone spesso a questi rischi. La legge infatti punisce chi utilizza (o porta con sé) prodotti non conformi alle caratteristiche tecniche elencate sul Decreto. Inoltre fuori dall’Italia la giurisprudenza è difforme da Stato a Stato, pertanto è opportuno informarsi prima di portarla in un viaggio.

Le pistole al peperoncino in vendita sul e-commerce Midifendo.it rispecchiano tutte le caratteristiche previste dalla normativa italiana. Inoltre ogni dispositivo è accompagnato da una dichiarazione di conformità alla legge italiana che ne permette un utilizzo in totale sicurezza. Perché rischiare affidandosi a marchi sconosciuti?

E allora cosa scegliere, Pistola o Spray?

Rapide, intuitive ed efficaci, le pistole al peperoncino MiDifendo colpiscono chi ti vuole aggredire, senza far del male a te e alle persone circostanti. Sono approvate dalla legge italiana e garantite dai 4 anni. Ecco perché sono incredibilmente migliori delle comuni bombolette spray.

10 motivi per cui la Pistola al Peperoncino è meglio di uno Spray al Peperoncino

  • Garantita 4 anni
  • Il getto gel nebulizzato è lungo 3 metri, preciso e diretto solo al bersaglio
  • La forma a pistola si adatta alla mano: la presa è più facile, l’estrazione più veloce
  • L’effetto non letale è prolungato, l’aggressore è KO per 45-60 min
  • Possiede un sistema di sicurezza per evitare spari accidentali
  • Per avere effetto basta colpire una qualsiasi parte superiore del corpo, anche non scoperta.
  • Quando premi il grilletto parte un getto in direzione opposta, quindi non puoi sbagliare.
  • La puoi usare in ambienti interni o esterni, a tutte le temperature e in qualsiasi condizione meteorologica (vento, pioggia, ecc).
  • Funziona in ogni posizione, dall’alto, dal basso, ecc
  • La carica di innesco non è a pressione gassosa, ma pirotecnica, perciò rimane funzionale nel tempo.

Gli effetti e i sintomi di una Pistola MiDifendo

Oltre al forte impatto, all’aggressore viene impresso un alone di color rosso che permette l’eventuale riconoscimento in caso di fuga da parte delle forze dell’ordine.
Il gel liquido PIEXOL® penetra nelle mucose e niente lo può fermare, nemmeno occhiali, maschere o tessuti. L’aggressore in pochi istanti è immobilizzato per circa 45-60 minuti con sintomi quali bruciore agli occhi, al naso, alla bocca e alla pelle, chiusura spontanea degli occhi e incapacità di vista temporale con forte lacrimazione, difficoltà respiratorie con tosse, forte bruciore generale. Gli effetti e sintomi se pur importanti, tanto da inibire completamente l’aggressore da possibili azioni e minacce, non lasciano danni permanenti.

 

Legittima difesa sul posto di lavoro

Difendersi è un diritto di ogni cittadino. Ovunque esso si trovi nel momento dell’aggressione. Fatta questa premessa, c’è da dire che gli strumenti e i modi per reagire ad un malintezionato cambiano di molto, anche e soprattutto a seconda della circostanza in cui la vittima si muove. Un caso particolare è rappresentato sicuramente dal luogo di lavoro.

Categorie professionali a rischio rapina

Fatta eccezione per un numero più che ristretto di categorie professionali (un esempio su tutti quella dei gioiellieri), in pochi possono possedere un’arma da fuoco. Gli enti preposti, infatti, raramente concedono a semplici commercianti, baristi, ristoratori, commessi o titolari di attività in genere di prendere il porto d’armi. La scelta è spiegata dal fatto che nella maggior parte dei casi il rischio rapina è effettivamente marginale. Insomma, non basta confessare di aver paura di cadere vittima di qualche criminale per ottenere la licenza…

Quindi, cosa fare? Andare al lavoro col cuore in gola, incrociando le dita e affidandosi al fato? Certo che no! Le soluzioni esistono e permettono a chi si trova quotidianamente a contatto col pubblico di vivere serenamente anche senza pistola o fucile.

Scegliere l’allarme giusto

Il primo consiglio è quello di scegliere un sistema di allarme efficiente che vi permetta di proteggere il negozio/locale ect… quando non ci siete, ma anche di inviare la richiesta d’aiuto in tempo reale e in una frazione di secondo alle autorità. La tecnologia è dalla vostra parte: accanto agli impianti d’allarme classici, infatti, sono comparsi negli anni anche dispositivi piccoli e pratici da tenere vicino alla cassa senza dare troppo nell’occhio o addirittura in tasca. Conviene prendere in considerazione poi le App da scaricare direttamente sul vostro cellulare attraverso le quali chiamare i soccorsi con un semplice tocco di mano!

Meglio assicurarsi contro furti e rapine

La prevenzione si studia a tavolino e passa anche dalla scelta di una buona assicurazione. Il segreto è optare per un pacchetto che garantisca la copertura per i danni causati da vandali o ladri durante l’orario di chiusura dell’attività, ma anche un piano che vi sostenga nel caso in cui qualcuno riesca a darvi l’assalto mentre siete al lavoro, dietro al bancone, o mentre abbassate finalmente la saracinesca dopo una giornata faticosa. Che cosa succede se il furfante riesce a portarvi via l’intero incasso? Chi vi rimborserà? Meglio pensarci prima!

Non fate gli eroi con ladri e rapinatori

Niente è più prezioso della vostra vita. Non c’è incasso o gioiello che tenga, ricordatevelo! L’obiettivo è  e deve essere quello riportare la pelle a casa. Nessuno si aspetta che facciate gli eroi. Naturalmente non vogliamo convincervi ad avere un atteggiamento sottomesso, a piegarvi alla violenza: anzi! Difendersi è un diritto sacrosanto. L’importante è farlo in modo intelligente e sicuro. Esporsi al pericolo è inutile. Davanti ad un’arma da fuoco o ad un soggetto che agisce sotto l’effetto di droga o alcol c’è poco da fare. L’unica strategia è tenerlo a distanza, tentare di calmarlo e chiedere immediatamente aiuto.

Cosa non fare davanti ad un ladro o ad un rapinatore

Evitate il corpo a corpo. Non sfidate il ladro o il rapinatore. Cercate di non provocarlo e di non offenderlo: già l’effetto dell’adrenalina sarà pesante in una situazione di tale stress. Anzi, l’ideale sarebbe riuscire a calmarlo, fingendo di voler collaborare. Meglio perdere dei soldi che perdere la vita!

Le armi legali per l’autodifesa

Ci si può difendere in molti modi, ma è necessario farlo scegliendo uno strumento giusto ovvero legale affinché chi si difende si auto-tuteli e non incorra poi in problemi con la Legge. Tra i dispositivi migliori c’è la pistola al peperoncino a base OC, regolamentata dal Decreto Ministeriale 12.5.2011 n.109 che stabilisce appunto le specifiche tecniche consentite.

Le pistole in vendita sul sito www.midifendo.it rispecchiano le caratteristiche previste da quella normativa. Le pistole MiDifendo, infatti, sono legali, di libero porto e di libera detenzione sull’intero territorio nazionale. Ogni dispositivo è accompagnato da un dichiarazione di conformità alla legge italiana che ne permette un utilizzo in totale sicurezza.

Qual è la pistola giusta per te?

La MiDifendo ha due linee di prodotto: le pistole GA (GA1, GA2 e GA3) e le pistole JPX a due o quattro colpi, nelle versioni standard o laser. Sono entrambe valide ed efficaci davanti ad un aggressore: per scegliere la migliore – ovvero quella più adatta al caso specifico – bisogna analizzare il tipo di professione e le circostanze in cui viene svolta.

Hai un negozio? Lavori in un bar che magari sta anche aperto fino a tardi? Stai dietro ad un bancone o alla cassa per far resti? Oppure fai la guardia privata o il buttafuori?

La soluzione più indicata per te si chiama JPX.

Una pistola ricaricabile che può contare su due (JPX JET PROTECTOR standard o con laser) o quattro colpi (JPX 4 COMPACT o LE LASER) che possono essere sparati singolarmente o in modo consecutivo.

La JPX: la soluzione per i professionisti

JPX Jet Protector Standard è stata progettata per aiutare le forze di polizia a ristabilire l’ordine pubblico, perciò può aiutare anche te a sentirti più al sicuro. Ancora più sofisticata la sua versione con mirino laser che può aiutarti a prendere la mira e a far desistere chi vuol farti del male. Del resto, non fa piacere nemmeno al furfante più incallito vedersi puntare addosso un raggio rosso da quella che reputava una facile vittima!

Ancora più performante la ‘sorella’ JPX 4 che rappresenta la naturale evoluzione della due colpi e della quale conserva le caratteristiche vincenti… ma col doppio di colpi e quindi col doppio di possibilità di metterti in slavo davanti ad una banda di malviventi che ti minaccia. La JPX 4 COMPACT o LE LASER, infatti, è una vera alleata nelle situazioni di pericolo anche estreme grazie ad  una tecnologia brevettata per un’incomparabile precisione di tiro.

La sua potenza è impressionante: quattro colpi urticanti pronti all’uso, tre metri di gittata con una velocità oltre i 351 km/h. a 1,5 metri di distanza; JPX4 è il più rivoluzionario tra i dispositivi d’autodifesa con getto liquido irritante per chi si trova quotidianamente esposto al rischio rapine o aggressioni.

La pistola (anche) sotto al bancone

La JPX può essere indossata facilmente grazie a fondine (vedi i modelli sul sito www.midifendo.it) con sistemi di tenuta e rilascio sicuri e altamente tecnologici che consentano movimenti rapidi ed efficaci. A seconda però dell’ambiente di lavoro, la pistola diventa ancora più utile se tenuta a portata di mano e nascosta.

Lavori dietro ad un bancone? Stai seduto gran parte della giornata ad una scrivania oppure il tuo posto è alla cassa?

In quel caso ti consigliamo di attaccare la fondina sotto al tavolo con il calcio della pistola verso di te in mondo da poterla estrarre in un secondo. Non è difficile! Basta sceglier il punto giusto, munirsi si trapano, cacciavite e viti e aver scelto la fondina che si presta di più.

Per la JPX 2 colpi la MiDifendo suggerisce la fondina Rock Roto.

Per la JPX 4 colpi la fondina in Kydex o la fondina Doppio porto sono le più pratiche.

 

Vacanza in camper in sicurezza, dal rilevatore di gas alla pistola al peperoncino: trucchi e strumenti di autodifesa per una vacanza sicura

Difendersi in camper

Lo spirito d’avventura è nel Dna di ogni camperista. Chi sceglie questo mezzo per spostarsi ha voglia di respirare libertà e di stare a contatto con la natura. Sono viaggiatori speciali che preferiscono solitamente luoghi poco affollati, mete non convenzionali ovvero destinazioni immerse nel verde. Sognare di essere liberi però non deve significare abbandonarsi al caso: i pericoli potenziali per gli amanti del camper sono tanti. Ma tanti sono, per fortuna, anche i trucchi e i consigli per regalarsi vacanze indimenticabili e… sicure.

Continua a leggere

Legittima difesa ed eccesso di legittima difesa: ecco cosa prevede la legge in Italia

Che cos’è la legittima difesa?

È il tema caldo del momento, il tema che spacca l’Italia dopo i recenti fatti di cronaca e le rapine con morto. Sulla legittima difesa si dice tutto e il contrario di tutto. Sai davvero che cos’è e come funziona in Italia? La materia è regolata dall’articolo 52 del Codice penale. Si tratta di una “causa di giustificazione” perché prevede un’eccezione alla legge, tollerando un comportamento che normalmente sarebbe reato. Secondo il codice non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa.
Continua a leggere